Agenda eventi

L M M G V S D
 
 
 
 
 
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30
 
31
 
 
 
 
 
 
 
 
Max Pfister e Massimo Fanfani
I partecipanti alla tavola rotonda
Leonardo Bieber, pres. Commissione Cultura Firenze e Domenico De Martino
29/09 C. Marazzini e B. Albanese

Vocabolario dantesco


Il progetto del Vocabolario Dantesco (VD), frutto della stretta collaborazione fra l'Accademia della Crusca e l'Istituto del CNR Opera del Vocabolario Italiano, nasce nell'ambito delle celebrazioni per i due centenari del poeta (2015 e 2021). Il VD si propone come uno strumento innovativo e aggiornato che consenta una piena comprensione del lessico di Dante in rapporto alla lingua del suo tempo, delle generazioni precedenti e successive, della tradizione letteraria latina e romanza. La redazione del VD prende il via dalla Commedia, ma mira a raccogliere l'intero patrimonio lessicale contenuto nelle opere del poeta. Al pari del TLIO (Tesoro della Lingua Italiana delle Origini), il VD nasce come una risorsa informatica, accessibile liberamente e gratuitamente dalla rete, e in continuo aggiornamento. È prevista comunque una successiva versione cartacea.

Nel VD l'impostazione lessicografica tradizionale – che si prefigge di precisare il valore semantico dei lessemi danteschi attraverso delle definizioni puntuali e sintetiche – viene affiancata e significativamente arricchita attraverso un dialogo continuo con altre importanti risorse informatiche, imprescindibili sotto il profilo storico-linguistico o sotto quello esegetico-interpretativo. All’interno della Scheda, collegamenti ipertestuali diretti consentono l’accesso, per esempio, agli articoli corrispondenti della Lessicografia della Crusca in rete o della versione informatizzata dell’ Enciclopedia Dantesca Treccani (ED), che resta un valido punto di riferimento, anche sul versante linguistico. Tra le altre risorse informatiche utili alla redazione del VD, andranno poi ricordati la banca dati testuale (interrogabile per forme attraverso il software GATTO) delle opere volgari e latine del poeta, contenuta nel CD-rom allegato alla riedizione delle Opere di Dante della Società Dantesca Italiana (Firenze, Polistampa, 2012), e il Dante Search, progetto recentemente sviluppato da un gruppo di ricercatori dell'Università di Pisa, coordinati da Mirko Tavoni, che consente l’accesso a un corpus integralmente lemmatizzato.