Agenda eventi

L M M G V S D
 
 
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30
 
 
 
 
 
G. Fanello Marcucci, C. Marazzini, G. Di Leo e N. Maraschio
Il presidente Claudio Marazzini con Claudia Arletti e Mario Calabresi
Da sinistra: Benedetti, Givone, Benintende, Maraschio, Ravenni, Lavia
XII Convegno ASLI

Le origini


La prima raccolta significativa può essere individuata in un discreto numero di manoscritti sui quali gli accademici lavorarono fino alla pubblicazione nel 1595 della Divina commedia di Dante Alighieri nobile fiorentino ridotta a miglior lezione e dei quali si trova testimonianza in una serie di cataloghi sei-settecenteschi della Biblioteca.

Dalla fondazione dell’Accademia al 1783, anno che vide l’accorpamento della Crusca nell’Accademia Fiorentina seconda, per volere del granduca Pietro Leopoldo, la raccolta libraria ebbe un discreto incremento, anche in seguito a donazioni post mortem e all’uso degli accademici di offrire i propri libri.

Nel 1778 risultavano conservati nella collezione accademica 64 testi manoscritti e 237 edizioni a stampa, come si evince dal Catalogo de’ Libri e delle Scritture compilato dall’accademico Rosso Antonio Martini. 

    Avvisi dalla Biblioteca

    • Biblioteca dell'Accademia: Riproduzioni

      Avvisiamo gli utenti che, secondo l’art 108 del DLgs 42/2004 così come modificato dall’art. 1, comma 171 della L 124/2017, è libera la riproduzione delle opere possedute dalla Biblioteca, sempre nel rispetto della normativa vigente sul diritto d’autore e sulla tutela del bene culturale.
      (Le pagine del sito con le Norme per gli utenti e le informazioni relative alle Riproduzioni sono in fase di aggiornamento)

    • Biblioteca dell'Accademia - Donazioni

      La Biblioteca accetta in dono unicamente opere attinenti ai propri ambiti disciplinari.
      Le opere inviate non saranno comunque restituite al donatore.

    Ultimi libri donati alla Biblioteca