Mostra Napoleone e la Crusca


Mercoledì 18 novembre 2015 verrà inauguata la nuova mostra allestita nella Sala delle Pale dell'Accademia, intitolata Napoleone e la Crusca. La mostra è curata da Dario Zuliani e sarà visitabile fino al 16 dicembre 2016.

 

"Nel 1811, quando la Toscana faceva parte dell’Impero francese, l’Accademia della Crusca fu pienamente ristabilita, dopo alcuni anni di soppressione, da Napoleone Bonaparte, allora Imperatore dei francesi e Re d’Italia.
Napoleone, di famiglia originaria della Toscana, indisse concorsi e premi per la promozione della lingua italiana e fissò per l’Accademia l’incarico di rivedere il Dizionario della lingua Italiana e di conservare 'la purità della lingua'.
A due secoli dalla fine dell’epoca napoleonica, la mostra presenta disposizioni e documenti, alcuni dei quali molto rari o inediti, sulla lingua italiana negli intensi anni tra la fine del ‘700 e l’inizio dell’Ottocento" [Dario Zuliani, curatore della mostra].

Avvisi da Crusca

  • Incontri all'Accademia della Crusca

    A causa della chiusura estiva della Villa di Castello, il servizio prenotazione per gli Incontri all'Accademia della Crusca è sospeso dal 12 al 23 agosto.

  • Studi di Grammatica Italiana

    Pubblicato il volume 36 (2017). L'indice degli articoli è disponibile nella sezione "Riviste"

  • Studi di Lessicografia Italiana

    Pubblicato il numero 36 (2019). L'indice del volume è disponibile nella sezione "Riviste".

Attività

  • Creazione del Vocabolario del fiorentino contemporaneo; progetto finanziato dalla Regione Toscana, dal Comune di Firenze e dalla banca Federico Del Vecchio - gruppo Banca Etruria; 1994-1996/2011-in corso.

  • La Piazza propone politiche di salvaguardia e attività di promozione del multilinguismo dell'Unione europea; 2007-in corso.

  • Archivio digitale integrato di materiali didattici, testi e documentazioni iconografiche e multimediali per la conoscenza allʹestero del patrimonio linguistico e storico‐culturale italiano, con particolare riguardo e destinazione a italiani all’estero di seconda e terza generazione; progetto FIRB; 2009-2013.

Vai alla sezione