Agenda eventi

L M M G V S D
 
 
 
 
 
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30
 
31
 
 
 
 
 
 
 
 
Max Pfister e Massimo Fanfani
I partecipanti alla tavola rotonda
Leonardo Bieber, pres. Commissione Cultura Firenze e Domenico De Martino
29/09 C. Marazzini e B. Albanese

Murales è singolare o plurale?


Quesito: 

Ci viene chiesto se la voce murales sia da considerarsi invariabile o meno in italiano.

Murales è singolare o plurale?

 

La forma murales, che ha fatto il suo ingresso nella nostra lingua all'inizio degli anni Sessanta (1961 GRADIT), è un sostantivo maschile plurale, dallo spagnolo mural tratto dalla locuzione pintura mural, propriamente 'dipinto murale'. Il significato che ha assunto in italiano è "rappresentazione pittorica di scene per lo più d'ispirazione social-popolare, eseguita, anche a più mani, su muri, facciate di edifici, grandi pannelli di materiale vario, generalmente posti in luoghi aperti" (Vocabolario Treccani sv murale2 http://www.treccani.it/Portale/). La stessa forma è usata abbastanza frequentemente e in modo improprio anche per il singolare "per la tendenza a considerare invariabili parole straniere entrate al plurale (come silos, vigilantes, clips)" (Sabatini Coletti 2008).

In realtà la questione del singolare di murales è un po' complessa: a rigore dovrebbe essere lo spagnolo mural, ma avendo già l'italiano a disposizione l'aggettivo murale, questo è stato adottato, trasformato in sostantivo, come singolare di murales, creando così una sorta di "paradigma misto" italo-ispanico; ciò è probabilmente avvenuto in modo inconsapevole ricostruendo da murales un singolare uscente in vocale, come toro è il singolare di toros e tarde di tardes.

Della sovrapposizione del lemma italiano alla forma spagnola si ha traccia nel modo con cui murale viene registrato negli odierni dizionari di lingua: è lemma a sé stante in GRADIT 2007 (datato 1974 e glossato come "erroneamente ricostruito su murales"); più o meno la stessa situazione si riscontra nel Dizionario Garzanti 2007; anche il Vocabolario Treccani ha murale come voce a sé stante, ma, a differenza dei precedenti repertori, non registra murales a lemma; lo stesso in ZINGARELLI 2007. Per Sabatini Coletti 2008 il sostantivo murale 'dipinto su parete' costituisce invece accezione particolare di murale aggettivo e sostantivo; similmente Devoto-Oli 2008, che ha a lemma il singolare mural e non murales, alla voce murale aggettivo, scrive: "Come sostantivo maschile adattamento italiano dello spagnolo mural".

Concludendo, la voce di origine spagnola murales è solo plurale, mentre al singolare è preferibile usare l'italiano murale o, al limite, lo spagnolo mural.

 

A cura di Matilde Paoli
Redazione Consulenza Linguistica
Accademia della Crusca

 

17 settembre 2010