Agenda eventi

L M M G V S D
 
 
 
 
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
 
 
 
 
Hans Goebl, Bruno Moretti, Gaetano Berruto
Pagina d'entrata
Le responsabili social dell'Accademia a "Pazza idea" 2015
Claudio Marazzini, Ludovica Maconi, Vittorio Coletti, Maria Agostina Cabiddu

A ciascuno il suo o il proprio?


Quesito: 

Sono pervenute ulteriori richieste sulla scelta tra suo e proprio, con specifico riguardo all’espressione a ciascuno il suo/a ciascuno il proprio.

 

A ciascuno il suo o il proprio?

 

In questa espressione, dunque con riferimento al pronome indefinito ciascuno, suo e proprio sono intercambiabili, come del resto si evince già dalla risposta data a suo tempo su questo stesso sito. Possiamo aggiungere che la ricerca su Google delle due stringhe (effettuata il 25/01/2019) ha dato questo esito: 359.000 risultati per “a ciascuno il suo” e 94.000 risultati per “a ciascuno il proprio”.

Il dato potrebbe essere alterato dal fatto che A ciascuno il suo è il titolo di un romanzo di Leonardo Sciascia (del 1966) da cui Elio Petri trasse un famoso film (del 1967); molte occorrenze in rete riguardano effettivamente l’una o l’altra opera e dunque, a rigore, andrebbero defalcate dal conto.

Ma proprio la memoria del titolo potrebbe indirizzare chi parla e scrive verso suo in questo contesto e in effetti nell’uso attuale sembra di cogliere la seguente tendenza: quando nell’espressione l’aggettivo è in funzione pronominale, a ciascuno il suo è più frequente di a ciascuno il proprio. Se invece segue un nome (e dunque il possessivo resta aggettivo), la preferenza va a proprio: a ciascuno il proprio compito; a ciascuno la propria parte di responsabilità. Ma anche a ciascuno il suo destino è espressione comune.

Insomma, in questo caso il contesto lascia a chi parla o a chi scrive piena libertà di scelta tra suo e proprio e non ci sono rischi di incorrere in errore.

 

Paolo D’Achille

 

12 febbraio 2019