Agenda eventi

L M M G V S D
 
 
 
 
 
 
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30
 
31
 
 
 
 
 
 
 
Nicoletta Maraschio professoressa emerita dell'Università di Firenze
I partecipanti alla tavola rotonda
Max Pfister e Massimo Fanfani
29/09 C. Marazzini e B. Albanese

Navigare tra le parole: dalle carte all'informatica e Inaugurazione dell'Archivio storico "Severina Parodi"

Firenze, 15 dicembre 2005

Presentazione

 

Accademia della Crusca
 
Tornata pubblica di presentazione
di progetti ultimati

Navigare tra le parole: dalle carte all'informatica

e

Inaugurazione dell'Archivio storico "Severina Parodi"

15 dicembre 2005, ore 16
Firenze, Accademia della Crusca
Villa Medicea di Castello
Indirizzo: 
Accademia della Crusca, via di Castello 46
Firenze 50141
Italia
Javascript is required to view this map.

Agenda

Programma

ore 16: Saluti
Francesco Sabatini
Presidente dell’Accademia della Crusca
Giuseppe Morbidelli
Presidente dell’Associazione Amici dell’Accademia della Crusca

 

Luciano Scala
Direttore generale Ufficio Beni Librari e Istituti Culturali del Ministero per i Beni e le Attività Culturali
La Biblioteca Digitale Italiana e le istituzioni culturali del nostro paese

Edoardo Speranza
Presidente Ente Cassa di Risparmio di Firenze
Il nostro sostegno all’Accademia della Crusca

Francesco Sabatini
La Crusca oggi, tra ricerca scientifica e impegno civile

Nicoletta Maraschio
Vice presidente dell’Accademia della Crusca
Italiano antico e moderno. Per un archivio informatico integrato

Bice Mortara Garavelli
Università degli studi di Torino
Severina Parodi storica dell’Accademia della Crusca

 

A conclusione degli interventi: Inaugurazione dell’Archivio storico “Severina Parodi”

ore 18,30: Rinfresco

Intrattenimento di musica jazz gentilmente offerto da "SolarMood"

Progetti realizzati    

  • Centro informatico
  • Sito web
  • La lessicografia della Crusca in rete
  • La Fabbrica dell’italiano
  • Il Fondo dei Citati
  • Vocabolario fiorentino contemporaneo: primo saggio
  • Lessico dell’italiano radiofonico
  • ArcheoTheke di Crusca. Programma di automazione dell’archivio
  • Catalogo in linea della Biblioteca
     

I progetti sono stati realizzati dall’Accademia della Crusca con il determinante contributo della Presidenza del Consiglio dei Ministri, del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, del Ministero dell’Istruzione, dell'Università e della Ricerca, della Regione Toscana, del Comune di Firenze, dell’Ente Cassa di Risparmio di Firenze e dell’Associazione Amici dell’Accademia della Crusca.
La costituzione del Centro informatico che ha reso possibile la realizzazione e il perfezionamento dei progetti è stata finanziata dall’Ente Cassa di Risparmio di Firenze.

 

Approfondimento

 

Navigare tra le parole. Dalle carte all’informatica - Comunicato Stampa
 
Giovedì 15 dicembre 2005, alle ore 16, presso la propria sede, l’Accademia della Crusca organizza una “Tornata pubblica” di presentazione dei progetti informatici realizzati nel corso degli ultimi anni. La presenza di molte autorità e quella del Direttore generale dell’Ufficio Beni librari e Istituti Culturali del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Luciano Scala, che parlerà de La Biblioteca Digitale Italiana e le Istituzioni culturali del nostro Paese, conferiscono all’evento una particolare rilevanza
 
Il pubblico sarà guidato, attraverso una presentazione multimediale, a navigare tra le parole di ieri e di oggi, tra i documenti, i manoscritti, i libri e i personaggi (letterati, scienziati, lessicografi, grammatici e gente comune) che hanno fatto la storia dell’Accademia e insieme la storia dell’italiano, lingua nazionale, ma anche tra le voci della radio e quelle vive del fiorentino attuale, (in equilibrio tra lessico tradizionale e italiano comune). E’ il risultato di un’attività decennale che ha coinvolto accademici e giovani ricercatori, bibliotecari e archivisti, informatici e linguisti, tutti uniti in un lavoro profondamente innovativo da uno spirito collegiale molto simile a quello che permise agli accademici della fine del Cinquecento, in soli venti anni, di realizzare per l’italiano l’impresa straordinaria del primo grande vocabolario di una lingua europea. (Il Vocabolario degli Accademici della Crusca, 1612). L’intenso programma informatico sviluppato dall’Accademia nell’ultimo decennio risponde infatti ad alcuni scopi fondamentali tra loro collegati: tutelare e conservare il proprio prezioso patrimonio librario e documentario, facilitarne l’accesso a un pubblico il più possibile largo, creare programmi di ricerca capaci di favorire la conoscenza dell’italiano, della sua storia secolare e dei suoi usi attuali
 
Il lavoro, che si è potuto svolgere grazie ai finanziamenti di Enti pubblici e privati (fra i quali si segnala in particolare quello dell’Ente Cassa di Risparmio di Firenze, rappresentata dal suo presidente Edoardo Speranza: Il nostro sostegno all’Accademia della Crusca), ha raccolto intorno alla Crusca (relativamente ad alcuni progetti) Istituti di ricerca esterni (CNR), Università (fra le altre: Firenze, Catania, Modena) e la Scuola Normale Superiore di Pisa. Per questo aspetto c’è una grande continuità con il recente passato che ha visto l’Accademia intensificare i rapporti di collaborazione con Enti di ricerca di tutto il mondo. Sull’impegno internazionale e civile dell’Accademia si soffermerà nella sua relazione il presidente della Crusca Francesco Sabatini: La Crusca oggi, tra ricerca scientifica e impegno civile.
 
La costruzione delle banche dati e delle reti informatiche che si presentano (ne parlerà Nicoletta Maraschio, vicepresidente dell’Accademia: Italiano antico e moderno per un archivio informatico integrato) è stata realizzata grazie a un analitico lavoro di ricerca sulle carte (libri e documenti opportunamente catalogati e marcati) svolto da giovani studiosi e già avviato da tempo in Accademia, in particolare per quanto riguarda l’Archivio, dall’accademica Severina Parodi. A lei sono intitolate le nuove sale dell’Archivio Storico “Severina Parodi”che si inaugureranno nella stessa occasione. Bice Mortara Garavelli (Accademica della Crusca e Ordinaria di Storia della lingua italiana presso l’Università di Torino) ricorderà la figura della studiosa: Severina Parodi storica dell’Accademia.

Ultimi libri segnalati

  • Per una didattica mirata della lingua. Acquisizione, misurazione e valutazione delle competenze linguistiche
  • Dal parlato alla grammatica. Costruzione e forma dei testi spontanei
  • L'italiano dei giornali [nuova ed.]
Vai alla sezione