bioterrorismo


lingua giornalistica
1998

Definizione: forma di terrorismo che utilizza armi biologiche.

Il termine ha avuto più ampia diffusione in seguito agli attacchi terroristici negli Stati Uniti dell'11 settembre 2001, quando in tutto il mondo si diffuse il timore di un impiego "bioterroristico" di temibili batteri come l'antrace o il carbonchio.

Attestazioni

  • http://www.tgcom.it/ArticoloTgCom/articoli/articolo25372.shtml (11 ottobre 2001): "Polvere di antrace tra le lettere, gas nervino in metropolitana, bombe sui treni e le stazioni, aerei impazziti e attacchi di ogni tipo. Sarebbero queste le paure che stanno mettendo in ginocchio tutto il mondo. Gli attentati che hanno sconvolto l'America l'11 settembre scorso, l'allarme per un attacco di bioterrorismo dopo la scoperta di tre casi di carbonchio in Florida e i venti di guerra stanno seminando il panico anche in Italia, anche se gli esperti invitano alla calma".
  • http://www.repubblica.it/online/mondo/antracequattro/senato/senato.html(25 ottobre 2001): "Questo confermerebbe la pista interna del bioterrorismo ipotizzata nei giorni scorsi".

Attestazioni lessicografiche

GRADIT

4 settembre 2002

Parole più segnalate

In questa pagina sono riportate le parole segnalate dagli utenti. Cliccando su una delle parole presenti sarà possibile consolidarne la segnalazione, aumentandone la dimensione e quindi il rango di interesse.
Per aggiungere una parola nella nuvola è sufficiente fare clic sulla voce "Segnala le nuove parole".

La redazione del sito prenderà in esame i suggerimenti più frequenti e di maggiore interesse per eventuali schede. 


Vai alla sezione