La lunetta di Giusto di Utens


La lunetta di Giusto di Utens, eseguita tra il 1599 e il 1602, presenta una regolarizzazione della realtà, quale si riscontra anche nella lunetta della villa della Petraia. La villa è infatti raffigurata perfettamente in asse con il ponte dei vivai e con le fontane di Fiorenza e di Ercole e Anteo. Il corpo sopraelevato rispetto ai tetti, esistente nella realtà soltanto a levante, viene ripetuto anche a ponente, mentre le finestrature risultano perfettamente simmetriche. Utens aggiunge sulla destra dell'edificio un giardino segreto mai esistito, identico a quello esistente invece a sinistra. Da tale operazione ottiene la perfetta assialità fra giardino, villa e viale, quale l'aveva concepita il Tribolo. Il suo modello doveva essere ancora visibile al tempo dell'Utens, e ancora doveva raffigurare quell'idea di perfezione spaziale, mai raggiunta, ma concepita platonicamente come superiore alla realtà stessa. La lunetta della Villa di Castello è una delle lunette dipinte da Giusto da Utens, splendide testimonianze delle ville medicee alla fine del Cinquecento. Dal 2012, le lunette sono conservate alla Villa Medicea "La Petraia" di Firenze.

    Avvisi da Crusca

    • Il nuovo Tema

      "Il napoletano in tribunale con l’interprete, e i piemontesi a Napoli con l’italiano", di Claudio Marazzini. La discussione è aperta nella sezione "I Tema".

    • ArchiDATA - Archivio datazioni lessicali

      Una nuova banca dati digitale dell'Accademia della Crusca. Maggiori informazioni sono disponibili nella sezione "Scaffali digitali".

      Visita la banca dati

    • "Italiano digitale. La rivista della Crusca in Rete"

      Pubblicato il primo numero della nuova rivista dell'Accademia: 2017, 1 (aprile-giugno)

    Attività

    • La Piazza propone politiche di salvaguardia e attività di promozione del multilinguismo dell'Unione europea; 2007-in corso.

    • Archivio digitale integrato di materiali didattici, testi e documentazioni iconografiche e multimediali per la conoscenza allʹestero del patrimonio linguistico e storico‐culturale italiano, con particolare riguardo e destinazione a italiani all’estero di seconda e terza generazione; progetto FIRB; 2009-2013.

    • Creazione del Vocabolario del fiorentino contemporaneo; progetto finanziato dalla Regione Toscana, dal Comune di Firenze e dalla banca Federico Del Vecchio - gruppo Banca Etruria; 1994-1996/2011-in corso.

    Vai alla sezione