Agenda eventi

L M M G V S D
 
 
 
 
 
 
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30
 
31
 
 
 
 
 
 
 
H. Van Essen, Natura morta con frutta e animali (Olio su rame cm. 19X27)
Mostra "Napoleone e la Crusca"
Alcuni Accademici, dipendenti e collaboratori dell'Accademia

Pubblica selezione a una borsa di studio per ricerche sulla norma nell'italiano contemporaneo in rapporto all'attività della Consulenza Linguistica de "La Crusca per Voi"


PUBBLICA SELEZIONE A UNA BORSA DI STUDIO PER RICERCHE SULLA NORMA NELL’ITALIANO CONTEMPORANEO IN RAPPORTO ALL’ATTIVITÀ DELLA CONSULENZA LINGUISTICA DE “LA CRUSCA PER VOI

 

 

Art. 1 (Tipologia della borsa di studio)

L’Accademia della Crusca (di seguito l’“Accademia”) bandisce con Deliberazione n. 174/ CD 2014 del Consiglio Direttivo del 19/12/2014, con spesa sul capitolo n. 55, una pubblica selezione per titoli di n. 1 borsa di studio per la realizzazione del progetto di ricerca denominato “Ricerche sulla norma nell’Italiano contemporaneo in rapporto all’attività della consulenza linguistica de “La Crusca per voi, CPV (di seguito la “Ricerca”).

Il vincitore dovrà svolgere la Ricerca in collegamento con i problemi e le domande linguistiche sollevate dalla rivista CPV alla cui redazione porterà in questo modo il suo contributo di idee e di testi. La Ricerca si svolgerà pertanto anche, parzialmente, nella Sede dell’Accademia, ogni volta che il responsabile della Consulenza linguistica e della CPV lo riterrà necessario ai fini di assicurare adeguata e collettiva riflessione sui quesiti rivolti dalle scuole e dai lettori alla rivista dell’Accademia e sulle risposte da fornire ad essi.

La borsa di studio, dell’importo di € 4.000,00  al lordo delle eventuali ritenute fiscali previste dalla legge, ha la durata di 12 (dodici) mesi a partire dal 1° marzo 2015.

La borsa di studio potrà essere rinnovata a discrezione dell’Accademia, una sola volta e per la stessa durata.

Il Consiglio Direttivo dell’Accademia nominerà il Responsabile della ricerca per la quale è assegnata la presente borsa di studio.

Art. 2 (Cumulabilità della borsa di studio. Assicurazione)

A nessun titolo possono essere attribuiti all’assegnatario, oltre all’importo della borsa, ulteriori compensi che facciano carico a contributi od assegnazioni dell’Accademia.

Il borsista è assicurato, a cura dell’Accademia, per gli infortuni in cui possa incorrere nell’espletamento dell’attività connessa con la fruizione della borsa stessa.

Art. 3 (Requisiti per la partecipazione)

Possono partecipare alla selezione giovani studiosi di età inferiore ai quarant’anni, cittadini italiani e stranieri che siano in possesso di laurea  magistrale o equipollente e addottorati in discipline linguistiche di ambito italianistico. Costituiranno titoli preferenziali per l’assegnazione della borsa comprovate esperienze di ricerca, lavoro (editoriale e didattico) e pubblicazioni nel settore della grammaticografia, lessicografia, didattica e storia della lingua italiana.

Non possono partecipare alla selezione i professori universitari di I e II fascia e categorie equiparate né i ricercatori universitari e del CNR.

Possono partecipare alla selezione i dipendenti pubblici di ruolo, purché siano posti in aspettativa senza assegni dal datore di lavoro per tutta la durata della borsa.

Art. 4 (Modalità per la presentazione della domanda)

La domanda di ammissione alla selezione, redatta in carta libera, secondo lo schema allegato al presente bando (allegato A), deve essere indirizzata alla Segreteria delľ Accademia della Crusca, Villa Medicea di Castello, Via di Castello n. 46, 50141 Firenze, entro e non oltre il 13 febbraio 2015.

Il plico contenente la domanda, con la relativa documentazione, deve essere inoltrato all’Accademia esclusivamente tramite il servizio postale a mezzo raccomandata, con avviso di ricevimento, entro il termine stabilito. Per la data fa fede il timbro apposto dall’ufficio postale accettante.

Non è ammessa la consegna di domande o lavori fatta personalmente negli uffici dell’Accademia. Alla domanda di ammissione dovrà essere allegata la dichiarazione sostitutiva di certificazione (allegato B) attestante, sotto la propria responsabilità, la data e il luogo di nascita; la cittadinanza; di non aver riportato condanne penali; il tipo di Laurea conseguita, l’indicazione dell’Università con le votazioni riportate nei singoli esami di profitto, la votazione dell’esame finale e la data di quest’ultimo; il conseguimento di Dottorato di Ricerca, con la data e l’indicazione dell’Università; il possesso dei requisiti relativi alla non cumulabilità della borsa.

Unitamente alla domanda i candidati dovranno inoltre inviare i seguenti documenti:

1. fotocopia firmata di un documento di riconoscimento;

2. curriculum dell’attività scientifico-professionale, datato e firmato;

3. titoli ritenuti utili ai fini della selezione con relativo elenco, datato e firmato;

4. pubblicazioni scientifiche già stampate alla data di scadenza del bando o testi accettati per la

pubblicazione.

Il plico contenente la domanda, con la relativa documentazione, deve portare sull’involucro esterno il nome e il cognome e l’indirizzo del mittente e l’indicazione della borsa alla quale il candidato intende concorrere.

Non si terrà conto dei documenti e delle domande inviati dopo il termine suddetto, anche se di dovesse trattare di lavori stampati presentati in sostituzione di bozze di stampa.

Determineranno l’esclusione automatica dalla procedura selettiva:

  • mancanza di firma autografa del candidato in calce alla domanda;
  • mancato rispetto dei termini e delle modalità di invio dell’istanza di partecipazione;
  • mancanza del requisito previsto nell’art. 3 del presente bando.

Tutti i candidati sono ammessi al concorso con riserva di verificare l’effettivo possesso dei requisiti necessari a partecipare alla selezione; l’Amministrazione può disporre in qualsiasi momento, anche successivamente allo svolgimento della discussione, l’esclusione dalla selezione stessa.

Art. 5 (Commissione giudicatrice)

La Commissione giudicatrice sarà composta da tre membri nominati dal Presidente dell’Accademia.

La Commissione giudicatrice può prevedere un colloquio cui sottoporre i candidati previa convocazione con almeno 8 giorni di preavviso. Nessun rimborso è dovuto dall’Accademia ai candidati che sostengono il colloquio, anche se in sede diversa da quella di residenza.

Ai fini della graduatoria di merito, la Commissione giudicatrice tiene conto della valutazione dei titoli e del risultato dell’eventuale colloquio con il candidato, valutando sia la sua attitudine a svolgere, in genere, compiti di ricerca scientifica, sia la sua preparazione nel campo specifico dell’attività oggetto della borsa di studio.

Al termine dei lavori, la Commissione giudicatrice redige una graduatoria.

Le operazioni compiute dalla Commissione giudicatrice vengono verbalizzate con sottoscrizione, in ogni pagina, del Presidente della Commissione stessa e dei componenti.

Il giudizio della Commissione è inappellabile.

Art. 6 (Graduatoria)

Viene considerato vincitore il primo degli idonei.

Non può essere conferita la borsa ex-aequo ma, a parità di giudizio, la preferenza è determinata:

a) dalla minore anzianità di conseguimento del titolo di studio richiesto per l’ammissione alla selezione;

b) in caso di ulteriore parità, dalla minore età del candidato. La borsa che resti interamente disponibile per rinuncia o decadenza del vincitore può essere assegnata al successivo idoneo secondo l’ordine della graduatoria entro un mese dalla rinuncia o decadenza del vincitore.

Qualora il vincitore, entro un mese dalla data di inizio della attività di ricerca, rinunci alla borsa o decada dalla stessa per incompatibilità di cui all’art. 2 del presente bando, la borsa può essere conferita per il restante periodo al successivo idoneo in base alla disponibilità finanziaria residua e alla valutazione scientifica da parte del responsabile scientifico della Consulenza linguistica circa l’attribuzione della borsa per un periodo inferiore a quello inizialmente previsto.

Art. 7 (Esito della selezione. Restituzione titoli e pubblicazioni)

L’Accademia provvederà a comunicare per iscritto solo al vincitore l’esito della selezione.

L’esito verrà comunque pubblicato sul sito web dell’Accademia.

I candidati risultati non vincitori possono richiedere all’Accademia, non prima di 3 mesi e non oltre 12 mesi dalla data di pubblicazione dell’esito della selezione di cui sopra, con spese a proprio carico, la restituzione dei titoli e dei documenti ai punti 3, 4 e 5 dell’art. 4. Trascorso il suddetto termine, l’Accademia non è più responsabile della conservazione e non sarà tenuta alla restituzione della documentazione.

L’Accademia non assume alcuna responsabilità sia in caso di eventuale dispersione di comunicazioni da parte dell’Ente, dipendente da inesatta o non chiara trascrizione dei dati anagrafici e del recapito da parte dei concorrenti oppure da mancata o tardiva comunicazione del cambiamento dell’indirizzo indicato nella domanda, sia per eventuali disguidi postali.

Art. 8 (Decorrenza)

Entro 5 giorni dalla comunicazione del conferimento della borsa, il vincitore dovrà inviare alla Segreteria dell′Accademia una lettera di accettazione della borsa stessa.

L’eventuale differimento della data di inizio della borsa, di cui al precedente art. 1, dovrà essere motivato da esigenze della Ricerca o del borsista.

L’assegnatario della borsa che non dia inizio alla Ricerca entro il 1° marzo 2015, senza comunicare per iscritto i motivi all’Accademia stessa, decade dalla borsa.

Nel corso di fruizione della borsa il vincitore sarà chiamato presso l’Accademia per un colloquio al fine di valutare il grado di avanzamento della Ricerca. E’ facoltà insindacabile dell’Accademia di interrompere il pagamento delle rate, con preavviso di almeno un mese, qualora non giudichi soddisfacente l’attività svolta.

La fruizione della borsa può essere sospesa temporaneamente solo nel caso in cui il titolare debba assentarsi per gravidanza e puerperio o per malattia di durata superiore ad un mese.

I motivi di rinvio o sospensione della borsa devono essere debitamente comprovati.

L’assegnatario che dopo aver iniziato la Ricerca non la prosegua, senza giustificato e comprovato motivo, regolarmente ed ininterrottamente per l’intera durata della borsa, o che si renda responsabile di gravi e ripetute mancanze,  è dichiarato decaduto, con motivato provvedimento dell’Accademia, dall’ulteriore utilizzazione della borsa.

Dell’avvio del relativo procedimento viene data comunicazione all’interessato il quale ha la facoltà di far conoscere la propria posizione in merito mediante comunicazione scritta.

Della conclusione del procedimento, che potrà consistere o in una archiviazione degli atti o nel predetto provvedimento di decadenza, verrà data motivata comunicazione all’interessato.

Art. 9 (Pagamento della borsa)

Il pagamento della borsa sarà effettuato in due rate semestrali come segue.

La prima rata, relativa al primo semestre verrà erogata entro il 30 settembre 2015, dopo che l’Accademia avrà accertato che il titolare della borsa ha iniziato l’attività presso la sede stabilita.

La rata a saldo verrà erogata  entro il 31 marzo 2016.

L’assegnatario che una volta iniziata la ricerca sia incorso nella dichiarazione di decadenza o abbia rinunciato alla fruizione della borsa è tenuto a restituire la rata anticipata e non maturata.

La richiesta di restituzione della rata dovrà essere effettuata dall’Amministrazione dell’Accademia come parimenti, a cura della Amministrazione stessa, dovranno essere conteggiate le eventuali somme da restituire.

Art. 10 (Esito della Ricerca)

Al termine del periodo di fruizione della borsa il vincitore dovrà presentare al Presidente dell’Accademia e al Responsabile della consulenza linguistica  una relazione scritta conclusiva sui risultati raggiunti nella Ricerca.

Art. 11 (Trattamento dei dati personali)

Ai sensi dell’art. 13 del Decreto Legislativo n. 196/2003 e s.m.i. i dati personali trasmessi dai concorrenti saranno trattati dall’Accademia esclusivamente per le finalità di gestione della presente procedura e degli eventuali procedimenti di attribuzione delle borse in questione.

La comunicazione di tali dati è obbligatoria ai fini della valutazione dei requisiti di partecipazione, pena l’esclusione della selezione.

Agli interessati sono riconosciuti i diritti di cui all’art. 7 del Decreto Legislativo n. 196/2003 e s.m.i.

Art. 12 (Rinvio)

Il presente bando, gli allegati A e B, sono disponibili sul sito Internet dell’Accademia della Crusca: www.accademiadellacrusca.it.

Per ulteriori informazioni rivolgersi a:

Segreteria delľ Accademia della Crusca, Villa Medicea di Castello, Via di Castello n. 46, 50141 Firenze – 055454277/8  Fax 055474279 - e-mail: segreteria@crusca.fi.it.

 

Firenze, 2 febbraio 2015

IL PRESIDENTE

Prof. Claudio Marazzini

Avvisi da Crusca

  • Un nuovo libro elettronico dell'Accademia in occasione della Settimana della lingua italiana nel mondo: L'italiano al cinema, l'italiano nel cinema

    Il volume, edito dall'Accademia della Crusca e da goWare, sarà distribuito gratuitamente durante tutta la settimana (16-22 ottobre 2017).

    Maggiori informazioni sono disponibili nelle sezioni "Notizie" e "Ufficio stampa".

  • "L'Italiano. Conoscere e usare una lingua formidabile"

    Ristampata la collana di volumi dedicati alla lingua italiana dalla collaborazione dell'Accademia con "La Repubblica": maggiori informazioni sono disponibili nella sezione "Notizie".

  • Mostra "Figure di Accademici della Crusca"

    Villa di Castello, Sala delle Pale, aprile 2017 - ottobre 2018.

    Maggiori informazioni sono disponibili nella sezione "Notizie".

Attività

  • La Piazza propone politiche di salvaguardia e attività di promozione del multilinguismo dell'Unione europea; 2007-in corso.

  • Archivio digitale integrato di materiali didattici, testi e documentazioni iconografiche e multimediali per la conoscenza allʹestero del patrimonio linguistico e storico‐culturale italiano, con particolare riguardo e destinazione a italiani all’estero di seconda e terza generazione; progetto FIRB; 2009-2013.

  • Creazione del Vocabolario del fiorentino contemporaneo; progetto finanziato dalla Regione Toscana, dal Comune di Firenze e dalla banca Federico Del Vecchio - gruppo Banca Etruria; 1994-1996/2011-in corso.

Vai alla sezione