Agenda eventi

L M M G V S D
 
 
 
 
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
 
 
 
 
Hans Goebl, Bruno Moretti, Gaetano Berruto
Pagina d'entrata
Le responsabili social dell'Accademia a "Pazza idea" 2015
Claudio Marazzini, Ludovica Maconi, Vittorio Coletti, Maria Agostina Cabiddu

Rispondi al commento

Sicuramente chi ha scritto questo intervento sa il fatto suo, ma commette alcuni errori significativi.

Lasciando da parte la pretesa di ridurre l'Accademia a "fornitrice" di strumenti con cui il Sig. Iudica può fare sfoggio della sua perizia ortografica e grammaticale, ecco le cose che non tornano:

  • Iudica vorrebbe che l'Accademia assumesse un ruolo prescrittivo rispetto alla nostra lingua. Ma la Crusca stessa nega questo suo ruolo e ribadisce ad ogni occasione di essere soltanto prescrittiva! (E lo fa per ottimi motivi, mi sento di aggiungere)
  • Non è corretto, come sostiene Iudica, dire che la cultura e la tradizione abbiano posto dei paletti nel caso "qual(')è. Come ha dimostrato il Prof. Sgroi nei suoi interventi, di utilizzi di "qual'è" apostrofato è strapiena la letteratura italiana contemporanea.

Insomma, ci sono gli esempi letterari, c'è la necessità avvertita da molti di riconciliare la grafia con la fonologia naturale percepita, ci sono autori che rivendicano la possibilità di usare la grafia apostrofata, ci sono innumerevoli esempi nella lingua vita. Cos'altro potrà mai servire alla Crusca per ammettere che nel 2018 "qual'è" sia una forma accettabile?

Luca Passani

Risposta

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

Gli ultimi Temi del mese

Vai alla sezione

Avvisi dalla Biblioteca

  • Biblioteca dell'Accademia - Donazioni

    La Biblioteca accetta in dono unicamente opere attinenti ai propri ambiti disciplinari.
    Le opere inviate non saranno comunque restituite al donatore.

Avvisi da Crusca