friendzonare


youth language

Ambito d’origine:  giovani

 

Categoria grammaticale: v. tr.

 

Definizione: mettere qualcuno nella friendzone ovvero respingere uno spasimante confinandolo nella sfera delle relazioni amicali

 

Etimologia: adattamento del verbo ingl. (to) friendzone, derivato per conversione dal sost. friendzone, comp. da friend “amico” e zone “zona”.

 

Prima attestazione: 2012

 

sicuramente, ma ho come la sensazione che in genere sono le donne a friendzonare gli uomini e non viceversa (@Amon_Alex, Twitter.com 5/6/2012)

 

Presenza sui dizionari

Devoto-Oli 2018

 

*Treccani Neologismi 2018

 

Diffusione al 27.4.2018

 

Forma cercate: friendzonare, friendzono,friendzonato/-a/-i/-e

 

Google: 92.820 r.

Repubblica: 5 r. (1 del 2015, 1 del 2016, 3 del 2017); p.a. 2015

Corriere della Sera: 1 r. (2015);

Il Fatto Quotidiano: 2 r. (2017);

Libero: 2 r. (2015)

 

Note

Il verbo friendzonare ha per base friendzone, letteralmente ‘zona d’amicizia’, parola, questa, che entra in circolazione in testi di lingua italiana a partire dal successo e dalla diffusione in Italia di due serie televisive americane: Friends e Scrubs. Fino alle prime comparse su Internet di friendzonare nel 2012, il concetto espresso da questo verbo veniva indicato solo con la forma perifrastica: mettere nella friendzone. Le occorrenze di friendzonare, dalla sua comparsa fino a oggi, sono registrate in contesti scherzosi, soprattutto sui social network e in ambito giovanile. Il suo impiego sulla rete tramite i social network, ma anche blog e pagine web collettive, comincia nel 2013-2014, mentre compare molto raramente sui giornali periodici e quotidiani nazionali: ad esempio la prima attestazione su Repubblica è del 2015 e tutte le occorrenze su questo quotidiano hanno carattere metalinguistico ovvero compaiono in testi che parlano di fatti linguistici (in questo caso del lessico nuovo). Oggi, nonostante il verbo sia in progressiva diffusione in testi scritti ma anche in testi di parlato trasmesso (come per esempio video di Youtube e trasmissioni radiofoniche), soprattutto in ambiti informali e scherzosi. La parola è stata recentemente registrata in due dizionari sincronici dell’italiano, nel Devoto-Oli 2018 e nel Vocabolario Treccani online, che ad oggi rappresentano le sole attestazioni lessicografiche. Il verbo viene per lo più usato al participio passato, nel passato prossimo (“Marco ha friendzonato Monica”) e nella diatesi passiva (“Io sono stato friendzonato/a”), anche con valore aggettivale o sostantivato (“il friendzonato starà male”).

 

Esempi d’uso:

  • Su Internet, il cimitero degli amori friendzonati. […]E tu sei mai stato friendzonato? Succede a tutti almeno una volta nella vita, ma di regola molto più spesso. […] Se ti trollano dopo che sei stato friendzonato ti sfottono, ti scherniscono, ti prendono in giro. ([s.f.], Su internet il cimitero degli amori friendzonati, Repubblica.it, 21/7/2015).
  • Mi ha friendzonato alla grande […] Forse sarà stato friendzonato ma alla fine della saga di Harry Potter abbiamo una rivelazione (Claudio Spina,  Friendzone: manuale di sopravvivenza. S.c. S.e., 2014, p. 29; p. 32).
  • La frase che ogni corteggiatore teme di più, quella che mai vorrebbe sentir pronunciare dall'oggetto della sua passione è: "scusa ma ti considero solo come un amico". A giudicare dal numero di tutorial e video presenti su youtube dedicati a come non farsi "friendzonare" si direbbe che il fenomeno è diffusissimo tra gli adolescenti (Giuseppe Cruciani, “Friendzonati” senza speranza, Radio24, La Zanzara, 12/10/2017).

 

Miriam Di Carlo

 

27 February 2019